Jump to content

UP844

Administrators
  • Posts

    6,649
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by UP844

  1. Torneremo... altrimenti Genova non avrebbe nemmeno una squadra in serie A (Sampierdarena non conta )
  2. Per le Ibiza, aggiungi il tag "orientation" con questo valore: orientation 0,0,1.5707
  3. Assolutamente no. Innanzi tutto, ho esaminato il 3D con MeshViewer: è leggerissimamente spostato su un lato (le voci relative alla coordinata X, anziché essere +/- 0,900 metri sono -0,898 e +0.902, ma è una differenza di 2 millimetri, assolutamente impercettibile) Non sapendo se i carri erano per TRS19 o TS12 (ed essendo il mio nuovo PC ancora bello imballato ), ho aggiunto la Megane come carico al Laaers SITFA di Torsten e caricandola è perfettamente centrata (ovviamente, ho dimenticato di prendere una schermata ). L'unico "problema" è che è orientata al contrario rispetto alle normali convenzioni (la parte frontale deve puntare verso l'asse Y negativo), ma ho prontamente risolto aggiungendo il tag orientation 0,0,3.14159 alla mesh-table, che fa sì che la mesh compaia nel gioco con una rotazione di 180° (3,14159 radianti). Stavolta mi sono ricordato di prendere una schermata e - come si vede - la Megane appare perfettamente centrata rispetto all'asse longitudinale del carro: Può darsi che il problema dipenda dai point dei carri, ma allora dovrebbe verificarsi anche con le altre auto che carichi... . Ora ho "marinato" il lavoro fin troppo, stasera provo anche con gli altri carri...
  4. Mandami (per MP, non pubblicamente) i CDP dei carichi che appaiono sfalsati o ruotati, così vedo cosa si può fare.
  5. Fammi sapere se funziona (con Trainz la teoria e la pratica spesso divergono nettamente )
  6. Se i punti sul carro sono centrati, il problema sta nella macchina. Prova ad aggiungere, nella mesh-table del carico "Scenic" il tag "position": position a,0,0 con vari valori di a, (positivi e negativi) fino a quando non si centra.
  7. Prova a controllare (con MeshViewer o con il visualizzatore integrato): la posizione dei point a.load nella mesh del carro: se la prima cifra (coordinata X) è zero, il point è al centro del carro (come deve essere), quindi l'errore è nella macchina le dimensioni della mesh della macchina: se le varie dimensioni positive e negative (+/-x, +/-y, +/-z) non sono uguali la mesh della macchina non è stata centrata sul punto 0,0,0 nello spazio 3D in fase di modellazione. Forse si può ovviare usando il tag "position" nel config del carico, in modo che la mesh della macchina sia spostata di quanto indicato nei valori di questo tag. Visti in gran numero a Voghera dietro una Vectron nera (fa anche rima... )
  8. Repent you miscreants! This is how the Great Kangaroo replied to a heretic who doubted N3V's infinite wisdom and reported ha script function that does not work as claimed in the Wiki: If not working, then it's a bug.Please submit a detailed bug report and we'll investigate. Pentitevi, o miscredenti! Il Grande Canguro ha così risposto a un altro eretico che ha messo in dubbio l'infinita saggezza di N3V segnalando una funzione di script che non funziona come dichiarato nella Wiki: Se non funziona, è un baco.Inviaci una segnalazione di bachi dettagliata e indagheremo.
  9. Sulla DLS ci sono una serie di rotabili, tutti contenenti "600mm" nel nome, che possono tranquillamente essere usati, con una varietà ben maggiore di quella che serve. Per la linea delle miniere ciò che serve sono i vagoncini basculanti; come locomotive c'è una Diesel a cabina centrale (che può rappresentare i locomotori Stiegler) e una locomotiva a vapore, però a tre assi (servirebbe qualcosa di simile alla seconda loco che ha postato Andrea, ma se non è pubblicabile ci dovremo adattare...).
  10. @D143.3046 La linea mineraria era, se non ricordo male, a scartamento 600 mm ma in Trainz c'é pochissimo per tale scartamento: avevamo cercato in lungo e in largo sulla DLS per trovare materiale più o meno simile a quello utilizzato sulla linea. Prima della guerra, era molto usata la trazione animale, poi sostituita da 1 o 2 locomotive a vapore di cui però ignoriamo tutto. Supponiamo fossero piccole locotender a 2 assi, simili ad altre utilizzate su linee minerarie in Toscana. Nel 1941 (!) la società esercente ordinò 2 locomotive ad accumulatori alla società Stigler (più conosciuta per gli ascensori) che fecero servizio per pochissimi anni (a metà del 1944 la Orbetello-Porto Santo Stefano fu completamente distrutta). Quanto al materiale rimorchiato, presumibilmente si trattava di carri a 2 assi ribaltabili lateralmente. Per quanto riguarda il servizio, i treni andavano dalla miniera a un pontile a Santa Liberata, dove il minerale veniva caricato sulle navi. C'era anche un piano caricatore dove avveniva il trasbordo sulla linea SNFT: non siamo riusciti ad appurare se sul lato a scartamento ordinario ci fosse un binario apposito o se si affacciasse sulla piena linea, né ad avere una stima del volume di traffico, che era comunque minimo rispetto a quello diretto al molo. Circa la linea SNFT: il traffico passeggeri era costituito da 5 coppie di treni, tutte classificate come "misto". Dalle (poche) immagini si vedono spesso carri merci (1 o 2) in composizione ai treni passeggeri, che ritengo fossero carri per Porto Santo Stefano. I tempi di sosta ad Orbetello Città sono brevi (2-3 minuti) e certamente non compatibili con eventuali manovre. Faceva eccezione il primo treno del mattino verso Porto Santo Stefano, che aveva un tempo di sosta di 8 minuti, dovuto probabilmente allo scarico di posta, giornali e collettame. Prima della guerra, la maggior parte del traffico merci era costituita da carbone per le FS, scaricato a Porto Santo Stefano, che costituiva tra il 60 e l'80% del volume di merci. Teoricamente, i punti di origine/destinazione per le merci sono: Raccordo di un'industria a Orbetello Scalo MM a Orbetello Città Piano Caricatore a S. Liberata MM a Porto Santo Stefano Raccordo Deposito Carburanti Regia Aeronautica a Porto Santo Stefano (con propria Sogliola) Raccordo portuale a Porto Santo Stefano La stragrande maggioranza del traffico interessava il raccordo portuale. Questo in breve...
  11. Perfetto! Considerando gli n-mila progetti che inizio, finisco al 99% e poi mi dimentico, non vorrei ci fosse altro...
  12. Per favore, mi fate un elenco degli oggetti TRAINZITALIA non ancora pubblicati? Sicuramente ci sono le aiuole, se ce ne sono altri fatemelo sapere.
  13. The route does NOT recall a :127 version of <kuid:334896:24804> Relay Box 1 (see images below). This is the asset entry in the kuid-table I don't have the slightest clue about the reason your install requires the :127 version. Did you somehow alter the route or the asset?
  14. [Contachiodi Mode ON] Le 225.6000 sono state dismesse dal parco FS intorno agli anni '90: questa macchina ricordo di averla vista più volte ferma a Certosa, ma sempre dal treno. Presumibilmente, vista la cancellazione delle marcature frontali, all'epoca apparteneva a una ditta di lavori (quando facevano parte del parco FS, le 225 e 235 Jenbach erano assegnate a Roma) [Contachiodi Mode OFF]
  15. Una linea che non ho mai capito perché sia stata dismessa , perfino negli anni '60...
  16. A surge of neuronal activity down under? As the main character said in "Clockwork Orange": Well, well, well! Inspiration comes to those who know how to wait for it Keep up bashing Mr. H, he deserves it .
  17. Per favore, potreste controllare se ci sono miei oggetti (KUID:69593:xxxxx) e indicarmeli, compreso il numero di versione? Grazie!
  18. «Neppure io ti condanno; va' e da ora in poi non peccare più»
  19. Probabilmente ci vorrà un po' per vedere tutti gli elementi del treno. Anni fa - la mi ultima collaborazione con i canguri - caricati un carro (e il relativo carrello) sulla DLS, dopo averli aggiornati alla build 3.7. Il carro apparve subito, il carrello dopo diversi giorni, con grande gioia di chi aveva scaricato il carro...
  20. Gomblotto! LORO (la BNSF di Warren Buffett, e vai di paranoie finanziario/terrapiattiste) non vogliono che si sappia dell'esistenza della Big Boy
  21. UP844

    Primo della serie 7000

    Trovata conferma qui http://www.ilmondodeitreni.it/235_7000.htm che il 235.7001 era lo IMA 001
  22. UP844

    Primo della serie 7000

    Trovato... secondo il Cherubini, "Materiale motore FS 1979-01-01": - i 7001-7013 furono costruiti da Greco (licenziataria della Deutz) nel 1955, per le FS; - il 7014 fu costruito da Greco, nel 1958 per la IMA (Impresa Manovre e Affini) come IMA 002; - i 7031-7033 furono costruiti da Deutz nel 1961 per la IMA, come IMA 004-006; - i 7051-7070 furono costruiti da Greco tra il 1959 e il 1963 per le FS. Nota a margine 1: la IMA aveva anche due Deutz più grandi a tre assi del 1957 e 1958, poi passati alle FS come 235.7001-7002. Quest'ultimo era classificato IMA 003, quindi suppongo che il 7001 fosse lo IMA 001. Un Deutz a tre assi simile era in servizio presso la raffineria ERG di Bolzaneto (ricordo di averlo visto accantonato), insieme ad almeno un paio di Kof, sempre Deutz, di costruzione postbellica e leggermente diversi dal modello "classico". Nota a margine 2: le manovre in porto a Genova, fino al 1969, venivano svolte da due imprese, la IMA sopra citata e l'Impresa Lagorara (IL) che aveva tre Jung R42 (poi diventate FS 245.8000) e una mezza dozzina di locomotive a vapore. Le Jung avevano una livrea bordeaux, poi sostituita dal classico verde vagone. Non ricordo di aver visto le locomotive della IMA, ma è possibile che operassero su Sampierdarena. P.S. Ci si potrebbe tirar fuori un articoletto... quando avrò un po' di tempo.
  23. UP844

    Primo della serie 7000

    Me li ricordo sotto casa... insieme alle 245.8000. I 225.7000 appartenevano a tre serie (700x, 703x e 705x): le prime due erano integralmente assegnate al DL di Rivarolo. É possibile che le 7031-7033 appartenessero in precedenza, come le 245.8000, a qualche impresa privata, ma la materia è piuttosto oscura. Magari si può trovare qualcosa su qualche sito tedesco, ma la lingua - a differenza delle ricerche sulle General Electric - mi ostacola .
×
×
  • Create New...