Jump to content

UP844

Administrators
  • Posts

    6,892
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by UP844

  1. Anche per le strade, comunque, funziona allo stesso modo, e per lo stesso motivo (poter indicare facilmente e univocamente un punto lungo il percorso). Vedere il punto 2 di questo documento: COME-CALCOLARE-LA-PROGRESSIVA-CHILOMETRICA.pdf
  2. La misurazione è identica indipendentemente dal senso di percorrenza. Una stazione viene considerata come punto di inizio di una tratta (progressiva 0+000) e un'altra come fine della stessa. Questo permette l'identificazione certa e univoca di un qualsiasi punto lungo la linea (esempio, segnale al km 14+337) Esempio: A (0+000) =1=2=3=4=5=6=7=8=9=10=11=12= B (12+572) =13=14=15=16=17=18= C (18+210) Un treno da A a C vedrà le progressive indicate sui cippi aumentare, uno diretto da C ad A le vedrà diminuire. Come corollario di tutto ciò, i cippi sono posati (sulle linee a doppio binario) a coppie, proprio perché una determinata progressiva chilometrica indica un punto - e uno solo - lungo la linea.
  3. Io pensavo a un altro tipo di paglia... P.S. Nella descrizione mancano gli ormai irrinunciabili termini "sostenibile", "inclusivo", "eticamente certificato" e "carbon neutral" . P.S. #2 Sulla DLS, cercando "windsock" si trovano 6 diversi tipi di manica a vento.
  4. Giusto per confermare la tendenza all'off-topic: Considerando che a Cavatigozzi c'é un impianto (Tamoil) che riceve ferrocisterne, la presenza della manica a vento in stazione è più che comprensibile.
  5. @Marco Scusa, ma ho scritto una belinata colossale: i CKP non si aggiornano automaticamente, ho fatto confusione i progressiometri. @gigi-mmo Lo script legge gli ultimi tre caratteri del nome del cippo e fa apparire le cifre corrispondenti sull'oggetto nel gioco (grazie alla magia nera di Piercarlo "Cooper_Engineer")
  6. La manica a vento per individuare la direzione di dispersione di eventuali fughe di sostanze pericolose? (Aver tradotto migliaia di pagine sulla sicurezza industriale fa cadere l'occhio su certi particolari )
  7. Grande reportage! Ora - per vostra fortuna - sono fuori casa e la tastiera del telefono vi risparmia le mie elucubrazioni
  8. Le immagini del tutorial le ho trovate (sono 30) ma il testo no. Oltretutto, il tutorial è stato scritto per TS12 e utilizza strumenti che non sono più disponibili, quindi occorre rifarlo da zero (sperando che N3V non cambi di nuovo le carte in tavola). L'unica immagine che può servire è questa (anche se ripresa in TS12, in 19 non dovrebbe essere molto diversa): Facendo clic sul "+" a fianco dell'icona piccola a destra del carico (o dei carichi) già presente ti si aprirà una finestra con l'elenco di tutti i carichi che hai installato(*), da cui potrai scegliere un nuovo carico da posizionare come quello già presente (in questo caso - vedi sfondo - al centro del carro). (*) É consigliabile scegliere prima quale carico aggiungere, dal momento che ce ne sono centinaia. L'aggiunta di carichi in questo modo NON è permanente; al successivo riavvio del gioco il carro modificato non caricherà eventuali carichi aggiunti con questo metodo.
  9. Sul vecchio forum c'era un tutorial, vedo se l'ho salvato da qualche parte.
  10. Per aggiungere delle merci temporaneamente, fai clic sul tastino "+" in Surveyor per aprire il menu di carico e poi fai clic sul "+" inscritto in un cerchio, a fianco dell'elenco dei carichi. Per aggiungerle definitivamente, occorre modificare il file config del carro: è una procedura un po' complessa per spiegarla in due parole.
  11. Mai sentito... a volte - molto raramente - le locomotive da manovra sono definite "locotrattore" con un francesismo derivato da "locotracteur".
  12. Certo che esistono: si chiamano cippi chilometrici: https://wikirail.it/glossario/cippo-chilometrico/#:~:text=Segnale complementare (V.),che viene illuminata per trasparenza. Dall'alto, i numeri indicano le centinaia, decine e unità di chilometri. In genere, le distanze sono misurate tra gli assi dei FV delle stazioni all'estremità della linea. Se ricordo bene, i CKP si posano iniziando con un cartello in cui si indica la progressiva, ed i successivi e precedenti si auto-numerano automaticamente
  13. [Contachiodi Mode /ON] Designed in 1982 for Monotype Typography by a team of ten led by Robin Nicholas and Patricia Saunders, Arial was originally designed for the IBM 3800-3 laserxerographic printer. [Contachiodi Mode /OFF]
  14. Giusto per non smentire la regola del 90-9-1, dopo 200 visualizzazioni ho ricevuto 2 risposte, che però non gettano molta luce sulla questione: La fermata rispetto all'attraversamento a raso ha un certo senso e dà un possibile punto di riferimento per il piazzamento Il "fuori marciapiedi" è da escludersi, Pizzighettone ha il FV posto a circa 100 metri dal termine del marciapiede del 1° binario (50 dal termine del marciapiede del 2° binario) e dall'altra parte ci sono 200/250 metri di marciapiede. Non so con precisione che materiale faccia servizio su questa linea, ma suppongo siano composizioni di TAF, TSR o Pop, o 464+MD... Per inciso, mi sorge un dubbio, dal lato opposto, i segnali di partenza sono a 100 metri oltre il termine del marciapiede: ci saranno le tabelle, in questa direzione?
  15. Ho chiesto lumi su due diversi siti: 200 visualizzazioni e nemmeno una risposta: sembra che nessuno ne sappia nulla . Comincio a pensare che Pizzighettone sia la sede di un segretissimo esperimento di RFI che intende aumentare ancora il già cospicuo numero di tabelle, cartelli e indicazioni nelle stazioni . @gigimori Se ti capita, dai un'occhiata anche alle stazioni vicine... purtroppo non ho trovato video in cabina recenti su quella linea. Magari è davvero un esperimento locale. Tra una quindicina di giorni vado a Bologna (terzo tentativo di vedere Eric Clapton ) e mi guardo intorno sulla Genova-Milano. E giusto per non smentire la tendenza a partire per la tangente: nella foto c'è un oggetto comunissimo nelle stazioni che ci manca!! Che cos'è?
  16. Sì, però quando la gru fa parte di un treno che si muove controllato dalla IA, il "pantografo" automaticamente si alza. Lo stesso problema si verifica su un modello dell'Acela (l'unico treno AV americano) presente in DLS: quando il treno si muove (controllato dalla IA) si aprono le porte.
  17. Non credo. FORSE ci si può riuscire con qualche script pesante: bisognerebbe dare un'occhiata alle gru in DLS.
  18. https://viaggiandoavapore.wordpress.com/documenti/ Per i sideromerciofili: se volete soffrire, date un'occhiata a questo documento: https://viaggiandoavapore.files.wordpress.com/2021/10/ditte-raccordate-ferrovie-italiane-1968.pdf Può tornare utile per identificare tutti quei binari visibili a malapena su Google Earth: attenzione, però, che per "raccordo" le FS intendono anche la concessione in uso di uno o più binari di un proprio impianto, non solo i binari che entrano negli stabilimenti raccordati.
  19. Considerando la nostra ben nota tendenza a divagare, preferirei avere più discussioni concentrate su un singolo argomento piuttosto che una singola e immane discussione-minestrone . Se incontri altre tabelle / cartelli / segnali... apri un'altra discussione.
  20. Non avevo pensato a questa possibilità che effettivamente é piuttosto comune, anche perché su un lato del FV c'è (o meglio c'era) lo scalo merci. Era giusto per capire se c'è un criterio (della cui applicazione - ovviamente - si troveranno numerose eccezioni ).
  21. Mi sono guardato diversi video recenti (dal 2020 in poi), le tabelle compaiono solo nelle stazioni più grandi e, apparentemente, solo sui binari dove fermano convogli di composizione "robusta" (da 9 vetture in su). Sulla tratte Genova-Tortona e Genova-Sestri Levante non ne ho trovato traccia. Le immagini qui sotto sono tratte da un cab ride sulla Piacenza-Milano: A Piacenza c'è un'ulteriore tipologia (due tabelle sullo stesso palo), e con caratteri diversi: A Fidenza, le tabelle sono presenti sul binario 3, ma non sui binari 4 e 5; sui binari 1 e 2 suppongo siano più avanti. Inoltre, c'è un'ulteriore tipologia di supporto
  22. Anche le ruote a razze sono tipicamente ceche.
  23. In questo video di ottobre 2020 ripreso tra Genova e Arquata Scrivia, le tabelle di fermata sono presenti a Genova Piazza Principe, ma non a Ronco Scrivia . Continuo a ritenere che si tratti di una disposizione piuttosto recente, non ancora applicata ovunque. Tabella montata a soffitto sulla pensilina con indicazione di avviso per composizioni di 9 vetture Tabella montata a soffitto sulla pensilina con indicazione di arresto per composizioni da 9 vetture, avviso per composizioni da 11 Tabelle su palo di due tipi diversi(*) con indicazione di arresto per composizioni da 11 vetture (le composizioni da 13 e 15 vetture sui binari alti di Principe non ci stanno , vedo se riesco a trovare un video con transito sui binari più lunghi). (*) Cerchiamo di resistere alla tentazione della tabella su palo centrata, a sinistra e a destra (più quella a soffitto, ammesso e non concesso che le pensiline siano tutte alla stessa altezza ). L'ideale sarebbe averle scrivibili, e teoricamente è possibile (sulla DLS ci sono decine di oggetti con inserimento di testi multipli), ma l'idea di scriptare indiscriminatamente gli oggetti scenery non mi piace particolarmente .
×
×
  • Create New...