Jump to content

Cancio

Administrators
  • Posts

    4,609
  • Joined

  • Last visited

Image Comments posted by Cancio

  1. Ho trovato in rete la foto di una targa, apposta al segnale di protezione di Varese, monumentato alla stazione di Gallarate, in cui è segnalata la data del 04 Giugno 2004 come ultimo giorno di servizio del segnale.

    Rimane il dubbio se quella data coincide con la disattivazione progressiva del sistema (sempre sia stata possibile) o se il 04 Giugno tutti i segnali ad ala semaforica furono disabilitati (e nel caso queste al momento della pubblicazione erano già foto "postume").

    Di certo il 20 giugno furono caricate queste due foto proposte oggi e quella del segnale di protezione disabilitato (e con la foto intitolata "Il segnale oggi", coerente con la data reperita in rete).

    Ho ricordo vago della cosa, sono passati 18 anni, inevitabile perdere qualcosa, ma forse i segnali di stazione sopravvissero ancora qualche giorno, sempre se tecnicamente possibile, beninteso (anche se mi viene più naturale pensare ad un unico intervento che interessi tutto il segnalamento da dismettere).

     

    Ricordo nitidamente che non riuscii, nonostate il buon proposito, di organizzare una gita a Varese per vederli dal vivo ancora in funzione, la notizia della disabilitazione era comunque nell'aria, ma oltre quello il ricordo è abbastanza nebuloso.

     

    A titolo di curiosità, l'ultima segnalazione ad ala attiva in Italia (tolta quella della Sulmona Castel di Sangro, ormai ferrovia "turistica") era quella della stazione di Avellino e sopravvisse addirittura fino al 20 novembre 2015.

    • Like 1
  2. Macchina e vetture doppio piano già in XMPR, la MDVC in composizione ancora nei colori originali, anche se parrebbe un po' "malconcia".

    I colori "nuovi" cominciano a fare capolino. 

    E444.023

          1

    In questa foto notiamo un paio di peculiarità di questa "prima fase" dell'XMPR.

    Sulle E444R, così come su E402 Prototipo ed E632, inizialmente l'idea era quella di dipingere tutte la parte frontale delle cabine in verde pantone.

    Sulla E444R il verde interessava anche lateralmente la cabina, fino alla "freccia" che la cassa disegnava appena dopo la porta.

     

    Questa soluzione sarà poi abbandonata, scegliendo sulle E444R di limitarsi alla fascia che abbraccia i finestrini laterali e frontali, facendola anche proseguire lungo la fiancata, andando a colorare la parte superiore della cassa, inizialmente tutta in grigio chiaro, andando in qualche modo ad evidenziare i finestrini laterali., Tale schema, veniva indicato anche come "XMPR2" e sarà preso anche come base per la nuova combinazione di colori che interesserà le macchine che vestiranno la livrea pensata per gli EuroStar City.

     

    Altra peculiarità che si nota è che all'epoca la livrea era ancora verniciata, le pellicole sarebbero state introdotte qualche anno dopo, per cui non di rado poteva capitare che in alcuni punti i colori originari, come nel caso di questa E444R, potessero fare capolino al progressivo sbiadire della nuova tinta.

     

    • Like 1

    E444.088

          1

    image.thumb.jpeg.9aafce6a12786aa2717b4174e2d606fd.jpeg

     

    Il "palo pieno" mi ha fatto ponderare più volte se pubblicarla o meno, ma visto che è praticamente l'unica foto di E444R in Livrea Originale e decal Trenitalia visibile caricata in galleria, a scopo "documentaristico" la comincio ad allegare come commento alla foto della stessa locomotiva presa frontalmente.

    Vedremo poi se darle definitivamente posto o se mantenerla qui come commento.

    Nostalgia...

          2

    Ciao Fulvio, ho avuto uno scambio di mail stamattina con il buon Maurizio Messa.

    Come collocazione, la foto è fuor di dubbio scattata a Milano Lambrate, come arco temporale il più probabile è a cavallo tra gli anni '80 e '90.

    Le automobili sono delle Opel e i modelli dovrebbero essere quelli in produzione a cavallo tra i due decenni.

    Per quanto la macchina, Maurizio mi ha segnalato di averla fotografata nel 1987 ancora con i "baffi" e in livrea Castano/Isabella, mentre a metà del 1990 l'ha incontrata nuovamente nell'aspetto estetico di questa foto, ovvero senza "baffi" in livrea solo Isabella.

     

     

  3. Qui mi da l'idea di essere accantonata addirittura. In altre foto si vedono macchine con le insegne delle ditte che le hanno acquisite. Ad ogni modo per ora la parcheggio qui, vedrò poi come gestirla, grazie per le utilissime annotazioni 🙂:su:

     

    BB 67578

          1

    Indeciso fino all'ultimo se pubblicarla o meno per via delle piante che coprono parte del muso, alla fine ha prevalso l'idea di riproporla, vista anche la bella luce che inonda la fiancata, mettendo in risalto le griglie ancora in rilievo in questa macchina.

    E424 335

          1

    Ho provato a cercare la località dello scatto, viene trovato un "Ceredello", frazione del comune di Caprino Veronese, la zona geografica sembrerebbe giusta, ma la ferrovia non corre ai margini della frazione.

    Risulta una "Via Ceradello" nel comune di Dolcè, questa volta proprio a ridosso della ferrovia.

    La via potrebbe anche prendere il nome da una località, lascio comunque la descrizione così come inserita da Silvano Vecchi.

     

    Un "classico" della linea del Brennero. Agile localino con E.424 "Navetta" alla testa di tre vetture medie distanze, di cui quella di coda pilota passante. Bei ricordi per il sottoscritto, venati di un filo di nostalgia e rammarico, visto che ormai irripetibili (e non solo per il materiale).

     

    Con la diffusione delle E.464 questa avrebbero avvicendato alla trazione le E.424, in convogli ormai "virati" in tinta XMPR.

     

  4. 10 ore fa, gigimori ha scritto:

    Sempre interessanti le info...

    👍

    Mi fa veramente piacere questo apprezzamento, è questo uno dei motivi per cui ho declinato gentilmente la richiesta di chi voleva la condivisione del materiale in archivi compressi parcheggiati in qualche cloud, che si sarebbero ridotti ad un insieme considerevole di foto, quello è vero, ma senza arte ne parte. Certo il lavoro è lunghissimo (siamo a "sole" 1180 foto ripubblicate), invece con quella soluzione si avrebbe avuto subito, non propriamente tutto, se includiamo nel "tutto" le "storie" che ogni foto può portare con se.

     

    PS e parzialmente fuori tema.

    Ma quanto era bella la livrea Eurofima 🙂 !!

    Ogni volta che rivedo questa foto la sequenza livrea Bandiera/Eurofima sul binario 20 mi prende l'occhio quasi quanto il Binato.

    • Like 1
  5. Questa foto "esaurisce" le immagini del Binato Breda in attività o comunque nel periodo "FS". Per completare la ripubblicazione, rimangono un paio di foto dell'ormai demolita ALn448.2007, un tempo esposta  senza la "sorella" ALn460 al Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano ed  una manciata di foto del binato 2008 accantonato a Voghera e Pavia, oltre che una sequenza fotografica che "racconta" il trasferimento di giugno 2004 da Pavia a Santhià.

    Doveva essere il primo passo del recupero della coppia di rotabili, cosa che purtroppo finora non ha  avuto seguito per mille traversie, tra cui il fallimento delle officine cui fu affidato.

     

    Se da una parte, visto il "tocco magico" di Fondazione FS nel recupero di rotabili, una fioca fiammella di speranza rimane, foto non troppo datate lo mostrano in condizioni sempre più precarie purtroppo, che non invogliano l'ottimismo.

     

    Tornando alle poche foto residue, valuterò come ripubblicarle e se in toto o se operando una piccola selezione.

    Ad ogni modo alcune di esse corredano un breve articoletto che racconta appunto il trasferimento Pavia-Santhià del 4 giugno 2004, di cui testimoniai la partenza  e che vi ripropongo volentieri avendolo trasferito già da tempo dal vecchio forum, salvandolo dalla perdita di scritti che purtroppo abbiamo subito a causa degli "accidenti" informatici che hanno reso vita difficile alla nostra galleria.

     

     

    • Like 1
    • Thanks 1
  6. Fulvio, con "questo era l'originale" l'autore sottointende la presenza di una "copia": allude alla 085, all'epoca della pubblicazione da poco riportata nella livrea che fu del Treno Azzurro, verso la quale non risparmiò critiche abbastanza decise, in cui ovviamente non entro nel merito.

  7. Con questa raggiungiamo quota 222  foto di locomotive elettriche FS 

    🙂

    Con questa foto, le mancanti per raggiungere quota 2000 foto totali sono 868.

    Una foto decisamente "palindroma" suo malgrado  🙂🙂 

     

    • Like 1

    E428 237

          2

    Ho ricevuto graditissima una nota via email dell'amico Maurizio Messa, che fornisce elementi per i quali la localizzazione della foto a Milano Smistamento risulta in realtà esatta.

     

    La piattaforma di per se non è sempre stata come siamo stati abituati a conoscerla nelle foto più recenti, fino alla fine degli anni '80 del 1900 aveva questo aspetto, nel decennio precedente la cabina di manovra era ancora più scarna, con la vasca sempre scoperta.

    Effettivamente questo dettaglio mi era passato di mente al momento di scrivere le note della foto, ma sia la lettera di Maurizio che la foto che ha allegato mi hanno fatto riaprire il giusto cassetto della memoria.

     

    Altri elementi combaciano, come la forma delle sospensioni dei cavi della line aerea.

    In una foto di Donato Rossi presente su "Il Portale dei Treni" poi, presa da angolazione leggermente differente - in realtà spostata di molto poco rispetto a questa, sono perfettamente visibili gli stabili sullo sfondo (di cui viceversa non avevo "memoria visiva", tanto da farmi sorgere il dubbio).

     

    La foto la potete visionare seguendo questo link, ma noterete che vi è perfetta corrispondenza della torre faro, del traliccio per segnali che qui si intravede tra locomotiva e posto di manovra della piattaforma (e parzialmente nascosto dallo stesso)  e buon ultimo, con gli edifici sullo sfondo.

     

    Direi che il buon Maurizio ha visto giusto quindi e nonostante la titubanza iniziale, la localizzazione a Milano Smistamento risulta quella esatta e non dovuto a qualche errore di trasposizione in digitale della foto.

     

    Grazie Mau 🙂

     

    Provvedo ad aggiornare la descrizione.

     

  8. Pontecurone quando aveva ancora il primo binario ? 

    (....e 636 in testa ad un rapido ? O espresso con due Z1 di seconda di rinforzo?  Dalla terza posizione in poi non mi sembra materiale italiano...azzarderei SNCF).

    In ogni caso, spettacolo !!! Grazie 🙂

     

    E645.023

          1

    Mi pare di riconoscere Foligno come località. La gru che si vede dietro le due E645 e le "Sogliole" sono un paio di buoni indizi.

×
×
  • Create New...